Vai al contenuto
7 minimo letto

Personaggio coraggioso: Jeanelle Austin

Il lavoro della vita di Jeanelle Austin è incentrato sul perseguimento della giustizia razziale con gioia e sull'aiuto a dare agli altri gli strumenti per fare lo stesso.

La gioia non ha sempre fatto parte del suo lavoro; in effetti, era palesemente assente. Dopo anni trascorsi nel mondo accademico, nell’organizzazione della comunità e in prima linea nelle proteste, si sentiva esaurita. "Continuavo a mettere da parte i miei bisogni per prendermi cura delle persone con cui e per cui lavoravo, senza avere gli strumenti e le risorse per gestire le mie emozioni", ha detto Jeanelle.

Sperando di sviluppare un approccio più sostenibile alla lotta contro l'ingiustizia, ha fondato la sua società chiamata Racial Agency Initiative per fornire coaching sulla leadership della giustizia. "Semplicemente non credevo che la lotta per la giustizia e l'equità dovesse sempre finire con puro esaurimento", ha affermato Jeanelle. .

Poi George Floyd è stato assassinato a meno di un quarto di miglio dalla casa della sua infanzia, dove sua madre viveva ancora. All'epoca viveva in Texas. Con l’intensificarsi dei disordini nei giorni successivi, ha fornito assistenza remota alla sua famiglia a Minneapolis, attingendo alla sua formazione ed esperienza come organizzatrice e attivista.

Credito fotografico Billy Briggs

Una settimana dopo, sua sorella convinse Jeanelle che le sue capacità e conoscenze sarebbero state più utili sul campo a Minneapolis e comprò un biglietto di sola andata per il Minnesota. Oggi Jeanelle è la custode principale di George Floyd Square e direttrice esecutiva del George Floyd Global Memorial, UN Il partner beneficiario McKnight è stato onorato di sostenere l'omicidio del signor Floyd. Jeanelle continua a parlare pubblicamente attraverso la Racial Agency Initiative. 

Durante la prima settimana della rivolta, iniziò a prendersi cura del memoriale in George Floyd Square come forma di resistenza sociale e cura di sé. "Ho detto che mi sveglierò presto ogni mattina e mi occuperò del memoriale", ha detto Janelle. “Sapevo che i memoriali potevano essere potenti forme di protesta perché ne ho curato uno per un anno nel 2016, dopo Philando Castile e Alton Sterling”.

Man mano che il memoriale cresceva, lei e altri custodi lavorarono instancabilmente per preservare le offerte lasciate al memoriale e la storia della rivolta. Lavorando all'intersezione unica tra conservazione e protesta, i custodi operano con il principio guida secondo cui tutto è un'offerta di qualcuno e le persone sono più sacre del memoriale stesso.

Alla fine, sperano di creare un memoriale permanente nel quartiere per ospitare ed esporre tutte le offerte che hanno raccolto dalla primavera del 2020, un luogo dove le offerte possano vivere e continuare la loro vita di protesta.

Jeanelle ha conseguito una laurea in ministeri cristiani presso il Messiah College, un MDiv in etica e un master in studi interculturali presso il Fuller Theological Seminary.

COLLOQUIO

La seguente intervista è stata modificata per motivi di lunghezza e chiarezza.

McKnight: Quale futuro stai lavorando per costruire?

Jeanelle Austin: Sto lavorando per costruire un futuro in cui possiamo vivere tutti insieme dall’altra parte della giustizia, dove diamo valore alle persone rispetto alla proprietà e poniamo al centro la sacralità della vita umana.

Ho fondato la mia azienda, Racial Agency Initiative, per vivere la sfida che ho lanciato agli altri: sfruttare la propria agenzia per la giustizia razziale. Mi chiedo: qual è la mia piattaforma e come puoi piegarla verso la giustizia?

Quando ho iniziato a guidare gli sforzi di conservazione del George Floyd Memorial, mi sono chiesto se fossi qualificato per il lavoro. Ho pensato, «Non sono un conservatore. Non sono una persona da museo.Poi ho capito che la mia formazione in teologia è perfetta per questo lavoro perché capisco il sacro e che le persone sono sacre, e penso che mentre costruiamo una società più giusta, dobbiamo mettere al centro le persone e non la proprietà.

Al centro del lavoro c’è lo sforzo di radicare e ancorare le persone e i loro posteri. Le offerte che conserviamo ricordano la nostra cultura e la nostra storia. Penso che il razzismo prosperi sull’oblio, e quindi lo combattiamo costringendo le persone a ricordare. Possiamo sfruttare il Memoriale e il potere del ricordo e della riflessione contemplativa per aiutare le persone a comprendere anche la loro piattaforma e la loro posizione per perseguire la giustizia.

Jeanelle lavora nella sala delle offerte del George Floyd Global Memorial. Credito fotografico: Chasing Joy Photography

“Sto lavorando per costruire un futuro in cui possiamo vivere tutti insieme dall’altra parte della giustizia, dove diamo valore alle persone rispetto alla proprietà e poniamo al centro la sacralità della vita umana”.–JEANELLE AUSTIN

McKnight: Cosa o chi ti ispira a recitare?

Jeanelle Austin: Come teologo, mi ispiro ai versetti della Bibbia. Un versetto che continuava a tornarmi in mente quando ho iniziato la mia azienda era la scrittura nel Libro degli Ebrei che parla di Gesù e dice: "Per la gioia che gli era posta dinanzi sopportò la croce". Questo versetto mi ha ancorato nella comprensione del concetto di gioia e di come può intersecarsi con il dolore. Gesù era disposto a sopportare un linciaggio pubblico con la speranza e la gioia che un giorno le persone potessero essere libere attraverso la sua esecuzione. Per me, dà forma a questa idea mantenendo l’attenzione sulla gioia dell’altro lato della giustizia. Dico spesso alla gente che credo che possiamo arrivare tutti insieme dall'altra parte della giustizia. Sono io che riaffermo la mia gioia nel dire che l'altro lato della giustizia è possibile e che non dobbiamo accontentarci.

Volontari ridipingono il Passaggio del Lutto vicino a George Floyd Square. Credito fotografico Jeanelle Austin

“Ho molti doni, talenti ed esperienze individuali, ma niente di ciò che faccio sarebbe possibile senza la comunità. Ognuno interpreta il proprio ruolo. Diremmo portate in piazza i vostri doni."–JEANELLE AUSTIN

McKnight: Puoi condividere di più sulla tua comunità?

Jeanelle Austin: Cornell West disse: “La giustizia è l’aspetto dell’amore in pubblico”. La ricerca della giustizia per la mia comunità è anche la ricerca dell’amore per la mia gente e la mia comunità.

Il concetto di Ubuntu è importante per me. Ho molti doni, talenti ed esperienze individuali, ma niente di ciò che faccio sarebbe possibile senza la comunità. Ognuno interpreta il proprio ruolo. Diremmo portate in piazza i vostri doni.

Riconosco che i miei doni non avrebbero successo se non fosse per altre persone che utilizzano i loro doni. Non sarei in grado di svolgere questo lavoro senza la difesa della comunità che impedisce a George Floyd Square di bruciare o essere distrutta. Non sarei in grado di fare quello che faccio se l'insegnante ed educatrice Marcia Howard non avesse deciso di organizzare incontri mattutini e serali per educare i vicini su ciò che sta accadendo e perché sta accadendo. Se non fosse stato per Jennie con il Peoples' Closet, che si è assunta la responsabilità delle donazioni di vestiti che le persone lasciavano casualmente a George Floyd Square. Se non fosse stato per Mileesha, che cucinava e dava da mangiare alla gente. Se non fosse stato per la signora Angela, la zia di George Floyd, che è venuta a sostenere il nostro lavoro come membro della famiglia per dire: "Sì, continua così". Se non fosse per gli anziani che verrebbero a incoraggiarci e a dire: continuate ad andare avanti, state facendo la cosa giusta. Se non fosse stato per i bambini che sarebbero entrati e avrebbero affermato e detto che questo posto è fantastico.

George Floyd Square è prima di tutto una comunità. È un popolo che cerca insieme la giustizia e adoro poter fare la mia parte nella comunità.

Argomento: Personaggi coraggiosi, Comunità vivaci ed eque

Maggio 2024

Italiano